Domenica delle Palme (anno A)

È allo stesso tempo l’ora della luce e l’ora delle tenebre.

 

 

DOMENICA DELLE PALME (anno A)

 È allo stesso tempo l’ora della luce e l’ora delle tenebre.
L’ora della luce, poiché il sacramento del Corpo e del Sangue è stato istituito, ed è stato detto: “Io sono il pane della vita… Tutto ciò che il Padre mi dà verrà a me: colui che viene a me non lo respingerò… E questa è la volontà di colui che mi ha mandato, che io non perda nulla di quanto mi ha dato, ma lo risusciti l’ultimo giorno” (Gv 6,35-39). Come la morte è arrivata dall’uomo così anche la risurrezione è arrivata dall’uomo, il mondo è stato salvato per mezzo di lui. Questa è la luce della Cena.
Al contrario, la tenebra viene da Giuda. Nessuno è penetrato nel suo segreto. Si è visto in lui un mercante di quartiere che aveva un piccolo negozio, e che non ha sopportato il peso della sua vocazione. Egli incarnerebbe il dramma della piccolezza umana. O, ancora, quello di un giocatore freddo e scaltro dalle grandi ambizioni politiche.
Lanza del Vasto ha fatto di lui l’incarnazione demoniaca e disumanizzata del male.
Tuttavia nessuna di queste figure collima con quella del Giuda del Vangelo. Era un brav’uomo, come molti altri. È stato chiamato come gli altri. Non ha capito che cosa gli si faceva fare, ma gli altri lo capivano? Egli era annunciato dai profeti, e quello che doveva accadere è accaduto. Giuda doveva venire, perché altrimenti come si sarebbero compiute le Scritture? Ma sua madre l’ha forse allattato perché si dicesse di lui: “Sarebbe stato meglio per quell’uomo se non fosse mai nato!”? Pietro ha rinnegato tre volte, e Giuda ha gettato le sue monete d’argento, urlando il suo rimorso per aver tradito un Giusto. Perché la disperazione ha avuto la meglio sul pentimento? Giuda ha tradito, mentre Pietro che ha rinnegato Cristo è diventato la pietra di sostegno della Chiesa. Non restò a Giuda che la corda per impiccarsi. Perché nessuno si è interessato al pentimento di Giuda? Gesù l’ha chiamato “amico”. È veramente lecito pensare che si trattasse di una triste pennellata di stile, affinché sullo sfondo chiaro, il nero apparisse ancora più nero, e il tradimento più ripugnante? Invece, se questa ipotesi sfiora il sacrilegio, che cosa comporta allora l’averlo chiamato “amico”? L’amarezza di una persona tradita? Eppure, se Giuda doveva esserci affinché si compissero le Scritture, quale colpa ha commesso un uomo condannato per essere stato il figlio della perdizione?
Non chiariremo mai il mistero di Giuda, né quello del rimorso che da solo non può cambiare nulla.

LA PAROLA DELLA DOMENICA DELLE PALME

Scarica il foglietto:  Domenica delle Palme 2020

Calendario delle Celebrazioni Liturgiche

della

Settimana Santa presiedute dal Santo Padre Francesco

 

In seguito alla straordinaria situazione che si è venuta a determinare, a causa della diffusione della pandemia da COVID-19, e tenendo conto delle disposizioni fornite dalla Congregazione del Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, con Decreto in data 25 marzo 2020, si è reso necessario un aggiornamento in relazione alle prossime Celebrazioni Liturgiche presiedute dal Santo Padre Francesco: sia in ordine al Calendario, sia in ordine alle modalità di partecipazione.

Si comunica, pertanto, che il Santo Padre celebrerà i Riti della Settimana Santa all’Altare della Cattedra, nella Basilica di San Pietro, secondo il seguente calendario e senza concorso di popolo:

 

Sabato 4 aprile, 2020: ore 19,00: Santa Messa presso il Santuario   Santa Maria del Divino Amore , trasmessa i diretta da TV2000 (canale 28)

Domenica 5 aprile 2020 delle Palme e della Passione del Signore

Commemorazione dell’ingresso del Signore in Gerusalemme

ore 8,30: Santa Messa presso il Santuario  Santa Maria del Divino Amore , trasmessa i diretta da TV2000 (canale 28).

Ore 10,00 Santa Messa presso il Santuario  Santa Maria del Divino Amore , trasmessa i diretta da TV2000 canale 5.

Ore 11,00: Santa Messa presieduta da Papa Francesco all’Altare della Cattedra della Basilica Papale di San Pietro, sarà trasmessa da RAI 1, su TV2000 (canale 28) e su Telepace (canale 73 e214 hd)

ore 19,00 Santa Messa Santa Messa presso il Santuario  Santa Maria del Divino Amore , trasmessa i diretta da TV2000 (canale 28).

Lunedì, Martedì e Mercoledì Santo:

Alle ore 7,00 Santa Messa, presieduta da Papa Francesco nella cappella della Casa Santa Marta, trasmessa in diretta su RAI 1, su TV2000 (canale 28) su Telepace (canale 73 e 214 in hd).

ore 19,00: Santa Messa presso il Santuario  Santa Maria del Divino Amore , trasmessa i diretta da TV2000 (canale 28).

9 aprile 2020, Giovedì Santo alle ore 18,00, Santa Messa in Coena Domini  presieduta da Papa Francesco all’Altare della Cattedra della  Basilica Papale di San Pietro, sarà trasmessa  su TV2000 (canale 28) e su Telepace (canale 73 e214 hd).

10 aprile 2020 Venerdì Santo, alle ore 18: Celebrazione della Passione del Signore, presieduta da Papa Francesco all’Altare della Cattedra della Basilica Papale di San Pietro, sarà trasmessa da, su TV2000 (canale 28) e su Telepace (canale 73 e214 hd) 

ore 21: Via Crucis presieduta da Papa Francesco  sul Sagrato della Basilica Papale di San Pietro della sarà trasmessa in diretta su RAI 1, su TV2000 (canale 28) e su Telepace (canale 73 e214 hd)

11 aprile 2020 Santo, alle ore 21: Veglia pasquale nella notte santa,  presieduta da Papa Francesco all’Altare della Cattedra della Basilica Papale di San Pietro, sarà trasmessa da RAI 1, su TV2000 (canale 28) e su Telepace (canale 73 e214 hd).

12 aprile 2020,  Domenica di Pasqua Risurrezione, alle ore 8,30: Santa Messa, presso il Santuario della  Madonna del Divino Amore, sarà trasmessa in diretta da TV2000 (canale 28)

ore 10 Santa Messa dal Santuario Santa Maria del Divino Amore, trasmessa in diretta da Canale 5.

Domenica 12 aprile, Pasqua di Risurrezione, alle ore 11,00 Santa Messa presieduta da Papa Francesco all’Altare della Cattedra della Basilica Papale di San Pietro. Al termine della celebrazione, il Santo Padre impartirà la Benedizione “Urbi et Orbi”, con l’indulgenza plenaria. Sarà trasmessa da RAI 1, su TV2000 (canale 28) e su Telepace (canale 73 e214 hd).

Domenica 12 aprile, alle ore 19,00: Santa Messa dal Santuario Santa Maria del Divino Amore, trasmessa in diretta da TV2000 (canale 28)