II DOMENICA DI QUARESIMA (ANNO A)

II DOMENICA DI QUARESIMA

Chiamati a rialzarci

Nelle Scritture, la montagna è sempre il luogo della rivelazione. Sono gli uomini come Mosè (Es 19) e Elia (1Re 19) che Dio incontra. Si racconta anche che il volto di Mosè venne trasfigurato da quell’incontro: “Quando Mosè scese dal monte Sinai – le due tavole della Testimonianza si trovavano nelle mani di Mosè mentre egli scendeva dal monte – non sapeva che la pelle del suo viso era diventata raggiante, poiché aveva conversato con il Signore” (Es 34,29). La magnificenza della rivelazione divina si comunica anche a coloro che la ricevono e diventano i mediatori della parola di Dio.
Gesù si mette a brillare come il sole sotto gli occhi di tre discepoli: questo lo individua come colui che è l’ultimo a rivelare Dio, come colui che oltrepassa tutti i suoi predecessori. Ciò è sottolineato ancor più dal fatto che Mosè ed Elia appaiono e si intrattengono con lui.
Essi rappresentano la legge e i profeti, cioè la rivelazione divina prima di Gesù. Gesù è l’ultima manifestazione di Dio. È quello che dimostra la nube luminosa – luogo della presenza divina (come in Es 19) – da dove una voce designa Gesù come il servitore regale di Dio (combinazione del salmo 2, 7 e di Isaia 42, 1). A ciò si aggiunge, in riferimento a Deuteronomio 18, 15, l’esortazione ad ascoltare Gesù, ad ascoltare soprattutto il suo insegnamento morale.

 

La Parola della Domenica

Scarica e leggi il foglietto settimanale:II Domenica di Quaresima (anno A)

 

AVVISI 8 MARZO 2020
II DOMENICA DI QUARESIMA
Chiamati a rialzarci

  1. La situazione attuale ci impone certi atteggiamenti e comportamenti che dobbiamo fare nostri. Perciò, come ci dice il Presidente del Consiglio dei Ministri, il Ministro della salute e il decreto del Vicariato in parrocchia celebreremo solo le sante Messe con le dovute precauzioni. Tutte le altre riunioni e attività sono sospese. La visita alle famiglie si farà dopo Pasqua.
  2. Il Cardinale Vicario con una lettera ha disposto che mercoledì 11 marzo sarà una giornata di preghiera e di digiuno in tutta la Diocesi.
    Di seguito potete leggere e scaricare la lettera: Lettera Messa Digiuno 11 marzo