Documenti Consiglio Pastorale

ASSEMBLEA PARROCCHIALE:

Il 5 luglio in occasione dell’incontro del Vescovo con il nuovo Consiglio Pastorale si è tenuta un’Assemblea Parrocchiale, pubblichiamo il saluto che il Parroco ha rivolto al Vescovo:

Saluto del Parroco 

Eccellenza Reverendissima,
carissimo don Guerino,
con grande gioia la nostra comunità parrocchiale La accoglie in questa sera di luglio e in questo incontro che Lei ha voluto per visitarci e confermarci nella fede.

Chi siamo.
Ci sono i sacerdoti che con me condividono la cura pastorale e la presenza in questa Parrocchia, Padre Lino Temperini e Padre Luigi Ceresoli.
C’è il nuovo Consiglio Pastorale Parrocchiale, appena eletto ed insediato.
Ci sono tanti fedeli, giovani e meno giovani, appartenenti alle diverse realtà della parrocchia.
La preoccupazione del Vescovo è che le cose vadano bene nella parrocchia, che ci sia l’annuncio, la carità, la liturgia.

La nostra parrocchia recentemente è stata segnata da alcuni trasferimenti richiesti dalle rispettive attività pastorali (insegnamento e studio).

In questo ultimo mese di giugno appena trascorso ho notato dei segni positivi di cammino:

  • il pellegrinaggio al Divino Amore con i ragazzi della catechesi, i catechisti e i genitori il 4 giugno;
  • il pellegrinaggio al santuario di Padre Pio il 12 e 13 giugno;
  • la partecipazione al Convegno Diocesano il 16 e 17 giugno;
  • la elezione dei consiglieri per il Consiglio Pastorale il 29 giugno.

A questi fatti positivi voglio aggiungere la realizzazione di una settimana di Grest (oratorio estivo) molto bene organizzata e guidata dai giovani con la supervisione del responsabile Paolo Minervino che si è appena conclusa. Tutti sono rimasti molto contenti.
I segni positivi ci sono. Vogliamo continuare a costruire quella porzione di Chiesa anche a sant’Achille.
Ai membri del Consiglio Pastorale nella prima riunione ho fatto questa domanda: “Tu da dove ripartiresti per il prossimo anno?”
Siamo certi che una fattiva collaborazione di tutti potrà rendere viva questa comunità parrocchiale e animare le varie attività pastorali.

Ora La ascoltiamo.

ROMA – S. Achille, 5 luglio 2016.

Al termine dell’Assemblea ha tratto le seguenti conclusioni:

CONCLUSIONI DEL VESCOVO DOPO GLI INTERVENTI DEI PARROCCHIANI

 Cominciamo a ricostruire con pazienza.

E’ stato detto che in un mese è stato fatto  quello che non si era fatto in otto mesi. Quindi è importante questo spirito di volontà.
La diversità: anche nella Bibbia Paolo e Barnaba si sono divisi.
La storia di questa Parrocchia è questa: dobbiamo essere nell’ascolto di quello che lo Spirito Santo ci ha ispirato.
Lo Spirito Santo costruisce la comunità. Ognuno stia al suo posto, ascoltiamoci nella diversità (giovani, catechesi, cammini neocatecumenali, oratorio…)
Avendo sentito le esigenze di tutti, e sono tante, il compito del Consiglio Pastorale è quello di mettere sul piatto queste esigenze, consigliando il bene.
Consigliando anche chi ha scritto o chi è venuto a parlare con me.
Funzione del Consiglio Pastorale è quella di percepire le esigenze del popolo e del territorio.
Il Pastore (Parroco) sta avanti, in mezzo e dietro. Dobbiamo metterci tutti in atteggiamento di ascolto degli altri e di realizzare insieme.
Si soffre all’interno di una situazione cercando di cambiarla dall’interno. Trovando soluzioni che abbiano organicità con tutte le altre esigenze.
In questo momento di crisi lo Spirito ci sta parlando. Il terzo millennio della Chiesa è quello dei laici.
Anche in una parrocchia salesiana il Parroco ha affidato l’oratorio a due laici in mancanza di sacerdoti.
In questo momento di vostra crisi rimboccatevi le maniche, usate la fantasia.  Lo diceva San Giovanni Paolo II: “La fantasia della parrocchialità”
Quando si ama una realtà l’inventiva fa arrivare alla soluzione. Non ci si deve tirare fuori.
Ascoltare e costruire insieme, saper guardare al futuro. Ripartire dalla realtà di oggi e guardare al futuro.
Mettiamoci nella disponibilità : che cosa lo Spirito Santo mi chiede di fare?
Spero di essere nuovamente invitato ad ottobre.