Intervista a Padre Riccardo Battiloro

Cosa spinge una persona a fare “il salto” dalla panca all’altare? Questa è stata una delle domande e curiosità a cui ha risposto Padre Riccardo, Battiloro nella video-intervista che ha rilasciato dopo la sua prima messa da sacerdote, presso la chiesa di S. Achille.

La storia di Riccardo (un ragazzo barbuto di quasi due metri), lascia riflettere su quali siano i passaggi esistenziali che spingono una persona, malgrado le tante alternative che offre oggi il mondo, a scegliere di diventare sacerdote. Una vocazione (nell’intervista appare chiaramente) dettata soprattutto dall’intuizione, che tutto parte dal corrispondere ad un amore. Un amore che DIO elargisce a tutti, ma che non tutti sono disposti ad accettare, per il timore che questo possa sconvolgere i propri piani, e le proiezioni che ognuno di noi si fa, per la paura di non voler soffrire. Nella sua testimonianza Riccardo, offre non solo spunti e riflessioni preziose,  ma conferma quello che S. Paolo afferma con forza ai Corinzi: «Guai a me se non annuncio il Vangelo!» (1Cor 9,16). Annunciare cioe’ che è possibile  perdere la propria vita per dire a chi ti sta attorno che esiste un Dio che ti ama, una “notizia” che funge da vero e proprio propulsore in grado di spingere chiunque verso mete inimmaginabili…tra le quali (questo e proprio il caso di Riccardo) il sacerdozio.

Grazie a P. Riccardo per l’intervista…Prega per noi!

Marco Mirra